Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

Viva Pannaggi!

Iniziò la sua carriera all’ombra di Filippo Tommaso Marinetti ed incarnò il mito dell’artista futurista: innovativo, multiforme, provocatorio, energico.
Frequentò architettura a Roma e dal 1922 entrò in contatto col variegato mondo del Teatro Sperimentale degli Indipendenti di Anton Giulio Bragaglia, continuò i suoi studi di architettura a Firenze senza mai concluderli. La sua vita è costellata da un vagabondare che lo porta a New York tra il ’26 e il ’27 mentre agli inizi degli anni ’30 frequentò la Bauhaus a Dessau, fino alla sua chiusura.
La frequentazione della Bauhaus lo allontana definitivamente dal futurismo e lo avvicina alle avanguardie comuniste.
Nel 1942 si trasferirà ad Oslo dove esercitò la professione di architetto statale ma trascorse gli ultimi anni della sua vita nella natia Macerata dove morì nel 1981. Fu inventore della mail art, scenografo, costumista, designer ma anche abile caricaturista.

 

Le fotografie e i filmati qui presentati, nel rispetto del diritto d’autore, vengono riprodotte per finalità di critica e discussione ai sensi degli artt. 65 comma 2, 70 comma 1 bis e 101 comma 1 Legge 633/1941.

Share, , Google Plus, Pinterest,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.